Una cosa che accomuna la maggior parte dei nuovi runner, oltre a un passo generalmente conservativo, è un paio di scarpe da corsa Brooks. Conosciuta per la sua attrezzatura affidabile e di alta qualità, Brooks è entrata almeno una volta nella rotazione di ogni runner.  Sono sempre stato curioso di sapere perché molti atleti tornano sempre alle Brooks Ghost, ma ora, dopo aver provato le Brooks Ghost 15, ho capito. La Ghost è una scarpa semplice e classica che brilla nella categoria delle scarpe da ginnastica quotidiane. Il suo enorme drop di 12 mm è ben noto tra le scarpe Brooks, ma non le impedisce di essere la soluzione perfetta per una corsa fluida. Con alcune piccole modifiche al mesh della tomaia e all’ammortizzazione dell’intersuola, si può dire che tutti i cambiamenti apportati al precedente modello sono stati positivi e la Ghost 15 sarà sicuramente un’altra delle scarpe preferite dai fan.

Proprio come un vero fantasma, la Brooks Ghost 15 è poco appariscente. Brooks la descrive come una “corsa beata e senza distrazioni” e io sono d’accordo. Non distrae, il che lascia spazio ad altri pensieri, ma questo, amici miei, è un argomento che non tratteremo qui oggi. Passiamo alla recensione!

brooks 15 review

Ciò che mi piace

La Ghost 15 ha una bella tomaia traspirante con una nuovissima iterazione di Brooks 3D Fit Print per aggiungere struttura, e la nuovissima ammortizzazione DNA Loft v2 nell’intersuola dà alla scarpa quel comfort a “cinque stelle” che i fan di Brooks riconosceranno immediatamente.

La corsa con la Ghost 15 è fluida e naturale. Piuttosto leggera, con un peso di 9,8 once per una US M9, una volta che si inizia a correre con la Ghost, tutto sembra una seconda natura.

Le Brooks Ghost 15 hanno un plantare estraibile di discreto spessore. Può essere sostituito con un plantare aftermarket senza compromettere la calzata della tomaia. Le solette acquistate in negozio, come le Superfeet, possono essere inserite senza compromettere la calzata

La Brooks Ghost 15 può essere noiosa e non ha l’energia necessaria per essere una scarpa da tempo, ma non è colpa della scarpa: ogni scarpa da corsa ha un suo carattere e la Ghost sa cosa sa fare. È una scarpa prevedibile per tutti i giorni, con una calzata eccellente, una corsa costante e una stabilità superiore alla media. La calzata e le finiture sono piacevoli, così come la sensazione generale di robusta qualità costruttiva.

brooks 15 review

Ciò che non mi piace

Detto questo, quando si va veramente al sodo, la Brooks Ghost 15 può risultare un po’ banale. Con tutto quello che c’è nella scarpa, durante il tempo che ho trascorso con essa, mi è sembrata davvero come una qualsiasi altra scarpa da ginnastica quotidiana.

Se vista sotto questa luce, le sottigliezze della scarpa possono essere viste come piccoli punti a sfavore. Commercializzata come la fascia media delle scarpe ammortizzate Brooks, la scarpa può sembrare un po’ goffa, quasi “da zoccolo” a volte. Il cuscinetto del tallone si sente un po’ grande in alcune falcate (12 mm di dislivello lo fanno), così come i cuscinetti esterni del mesopiede e della punta. Questo può portare a un occasionale atterraggio “strano” ogni paio di passi.

Non è assolutamente un problema, e direi che un amante delle Brooks non se ne accorgerà nemmeno. Ma è certamente qualcosa di cui mi sono accorto con i chilometri percorsi con la scarpa. Inoltre, la selezione di colori per questa scarpa non è proprio nulla di cui scrivere. Il mio paio da recensire era un look di base nero/perla nera/bianco che mi ha fatto dire “no”. Anche il resto della selezione maschile è piuttosto sicuro e “docile”. Direi che le colorazioni da donna hanno un po’ più di fantasia (hanno il colore “Aruba”), ma non spostano di molto l’ago della bilancia.

I bassi livelli di ventilazione potrebbero essere migliorati. La tomaia tende a riscaldarsi una volta superati i 10 km.

brooks 15 review

In conclusione

La Brooks Ghost 15 è esattamente ciò che ci si aspetta da una scarpa da ginnastica quotidiana. Anche se probabilmente non la indosserò presto per gli allenamenti di velocità, è bello sapere che è presente nel mio armadio, pronta per una bella gita in bicicletta per qualche chilometro o forse anche più di qualche chilometro.  Confrontandomi con altri utenti, sembra  che la Ghost 15 sia più morbida e meno reattiva del suo predecessore, mentre la Ghost 14 è più rigida e scattante.

La Ghost 15 è adatta alle distanze medie, direi non oltre ma mezza maratona, e per chi non cerca il tempo, vedi un maratoneta amatoriale: sotto i 4:30 al kilometro proprio non vi ci porterà. Ma di contro è molto leggera, ed è un’ottima aggiunta alla vostra rotazione di scarpe.

Occhio alla temperatura: tende a scaldarsi un pochino, è poco ventilata, da cui l’uso su distanze lunghe potrebbe non essere il massimo.

Ciononostante, è un’ottima scarpa di partenza per i nuovi runner e un’ottima aggiunta alla rotazione per i runner più esperti. Questa scarpa è disponibile in un’ampia gamma di taglie e larghezze, quindi un plauso a Brooks per l’inclusività. Con un prezzo di 120 euro circa, questa scarpa da ginnastica neutra per tutti i giorni è sicuramente nella mia lista di acquisto.

Di Giorgio

Passione Corsa (by Milano Running Club) è il nuovo portale per i runner di tutt’Italia che cercano informazioni su come allenarsi, come gestire il proprio fisico e come evolvere le proprie performance. Che tu voglia partecipare ad una maratona, ad una 10 Chilometri, ad una Mezza Maratona, ad una 5 Chilometri o semplicemente vuoi correre, troverai decine di allenamenti specifici, consigli tecnici e suggerimenti dai nostri esperti di corsa.