La corsa è uno sport che richiede uno sforzo fisico considerevole, e non è raro che i corridori si trovino ad affrontare la stanchezza durante le loro sessioni di allenamento o gare. La stanchezza fisica può essere un ostacolo significativo per i corridori, influenzando negativamente le prestazioni e minando la motivazione. Per affrontare in modo efficace la stanchezza durante la corsa, è importante comprendere le sue cause fisiologiche e identificare i rimedi appropriati.

In questo articolo, esploreremo i meccanismi fisiologici della stanchezza durante la corsa e analizzeremo le cause comuni che possono contribuire alla sua insorgenza. Esamineremo anche l’importanza dell’adeguato riposo e recupero, nonché l’influenza dell’alimentazione sulla stanchezza fisica. Inoltre, esploreremo una serie di strategie pratiche per gestire l’energia durante la corsa e prevenire la stanchezza. Discuteremo l’importanza di un allenamento adeguato, delle tecniche di respirazione, delle strategie mentali e di un approccio equilibrato alla gestione della stanchezza.

Capire come combattere la stanchezza fisica durante la corsa non solo migliorerà le prestazioni, ma aiuterà anche i corridori a godere di una migliore esperienza complessiva. Pronti a scoprire come affrontare la stanchezza e ottenere il massimo dalle vostre corse? Iniziamo esplorando i meccanismi fisiologici alla base della stanchezza nella corsa.

L’importanza di comprendere la stanchezza fisica nella corsa

La stanchezza fisica è una realtà inevitabile per molti corridori, soprattutto quando si tratta di sfide impegnative come le lunghe distanze o le gare ad alta intensità. Capire i fattori che contribuiscono alla stanchezza è essenziale per migliorare le prestazioni e prevenire il sovrallenamento o l’insorgenza di infortuni.

La stanchezza fisica nella corsa può essere causata da una serie di fattori, tra cui i meccanismi fisiologici, la mancanza di riposo e recupero adeguati, una cattiva alimentazione, una gestione inadeguata dell’energia e carenze nell’allenamento e nella preparazione mentale. Questi fattori possono influenzare la capacità di un corridore di mantenere un ritmo costante, esaurire rapidamente l’energia o sperimentare una sensazione di fatica generale.

Comprendere le diverse cause della stanchezza fisica nella corsa è fondamentale per sviluppare strategie efficaci per combatterla. Non solo permette ai corridori di ottimizzare le loro prestazioni, ma può anche aiutare a prevenire lesioni e problemi di salute correlati al sovrallenamento.

Per esplorare più in dettaglio questi fattori e scoprire i rimedi appropriati per la stanchezza fisica nella corsa, esamineremo i meccanismi fisiologici che entrano in gioco durante l’attività fisica intensa, le cause comuni della stanchezza, l’importanza del riposo e recupero, l’influenza dell’alimentazione, le strategie di gestione dell’energia, l’adeguato allenamento e la preparazione mentale.

Approfondiremo anche l’importanza di trovare un equilibrio tra allenamento, recupero e una corretta gestione della stanchezza. Prendersi cura del proprio corpo e della propria mente è fondamentale per garantire una corsa sana, gratificante e duratura nel tempo.

Fonte: Mayo Clinic – Exercise intensity: How to measure it

I meccanismi fisiologici della stanchezza durante la corsa

La stanchezza durante la corsa è un fenomeno complesso che coinvolge diversi meccanismi fisiologici nel corpo. Comprendere questi meccanismi è fondamentale per affrontare la stanchezza in modo efficace e ottimizzare le prestazioni.

Uno dei principali meccanismi fisiologici associati alla stanchezza nella corsa è l’accumulo di acido lattico nei muscoli. Durante l’esercizio intenso, il corpo produce energia attraverso la glicolisi anaerobica, un processo che crea acido lattico come sottoprodotto. L’accumulo di acido lattico può portare a una sensazione di bruciore e fatica muscolare, influenzando la capacità di sostenere l’attività a lungo.

Un altro meccanismo chiave è l’esaurimento delle riserve di glicogeno muscolare. Il glicogeno è la forma di carboidrati immagazzinata nei muscoli e rappresenta una fonte di energia immediata durante l’esercizio. Durante la corsa prolungata o intensa, le riserve di glicogeno possono essere completamente utilizzate, portando a una sensazione di esaurimento e stanchezza.

Inoltre, l’accumulo di metaboliti come l’adenosina, che si verifica durante l’esercizio fisico, può influenzare la sensazione di fatica. L’adenosina agisce come un neurotrasmettitore nel cervello, legandosi ai recettori che segnalano la fatica. Un aumento dei livelli di adenosina può portare a una maggiore percezione di fatica e influenzare negativamente la prestazione durante la corsa.

È importante sottolineare che i meccanismi fisiologici della stanchezza possono variare da persona a persona e possono essere influenzati da diversi fattori come il livello di allenamento, la genetica e la capacità aerobica. Tuttavia, una comprensione generale di questi meccanismi fornisce una base solida per sviluppare strategie mirate per combattere la stanchezza.

Per approfondire ulteriormente i meccanismi fisiologici della stanchezza durante la corsa e le relative implicazioni per la prestazione, è consigliabile consultare fonti autorevoli come l’American College of Sports Medicine (ACSM) o riviste scientifiche specializzate nel settore dello sport e dell’esercizio fisico.

Fonte: American College of Sports Medicine – Exercise and fatigue

Cause comuni di stanchezza fisica nella corsa

La stanchezza fisica durante la corsa può essere attribuita a diverse cause, alcune delle quali sono comuni tra i corridori. Comprendere queste cause è fondamentale per affrontare la stanchezza in modo efficace e trovare soluzioni appropriate.

Una delle cause più comuni di stanchezza fisica nella corsa è il sovrallenamento o l’eccessiva intensità degli allenamenti. Quando si allena troppo duramente o senza dare al corpo il tempo sufficiente per recuperare, si può sperimentare una sensazione generale di fatica e stanchezza persistente. L’importanza di un adeguato equilibrio tra l’allenamento e il riposo non può essere sottolineata abbastanza. Il corpo ha bisogno di tempo per rigenerarsi e adattarsi agli stimoli dell’allenamento, e il recupero adeguato è essenziale per prevenire la stanchezza e promuovere il miglioramento delle prestazioni.

Un’altra causa comune di stanchezza fisica è la mancanza di sonno e il riposo inadeguato. Il sonno è un fattore chiave per il recupero fisico e mentale. Durante il sonno, il corpo si rigenera, le cellule si riparano e il sistema nervoso si riequilibra. La mancanza di sonno di qualità può influire negativamente sulla capacità del corpo di recuperare dall’attività fisica e può portare a una sensazione costante di stanchezza.

Un’alimentazione inadeguata può anche contribuire alla stanchezza fisica durante la corsa. L’energia necessaria per sostenere l’attività fisica proviene dai carboidrati e dalle riserve di glicogeno muscolare. Una dieta carente di nutrienti essenziali può ridurre le riserve di energia e portare a una sensazione di affaticamento durante la corsa. È importante consumare una dieta bilanciata che fornisca il giusto apporto di carboidrati, proteine e grassi sani per sostenere l’attività fisica e prevenire la stanchezza.

Infine, il livello di idratazione può influenzare la stanchezza durante la corsa. Una disidratazione anche leggera può ridurre le prestazioni fisiche e portare a una sensazione di fatica precoce. Assicurarsi di mantenere un’adeguata idratazione prima, durante e dopo la corsa è essenziale per prevenire la stanchezza e mantenere un buon livello di energia.

Identificare le cause specifiche della stanchezza fisica può richiedere un approccio individuale. È consigliabile consultare un professionista medico o uno specialista nell’ambito dello sport e dell’esercizio fisico per una valutazione accurata e per sviluppare un piano personalizzato per affrontare la stanchezza.

Maggiori informazioni qui: Sports Health – Overtraining Syndrome

L’importanza dell’adeguato riposo e recupero per prevenire la stanchezza

L’adeguato riposo e recupero sono fondamentali per prevenire e gestire la stanchezza fisica durante la corsa. Mentre l’allenamento costante è essenziale per migliorare le prestazioni e costruire la resistenza, è altrettanto importante dare al corpo il tempo necessario per recuperare e rigenerarsi.

Una delle chiavi per il recupero efficace è il sonno di qualità. Durante il sonno, il corpo svolge importanti processi di riparazione e ripristino. Le cellule muscolari si rigenerano, i tessuti si riparano e il sistema immunitario si rafforza. Si consiglia di dormire almeno 7-9 ore a notte per consentire al corpo di recuperare completamente. Inoltre, creare una routine di sonno regolare e favorire un ambiente di riposo tranquillo e confortevole può migliorare la qualità complessiva del sonno.

Oltre al sonno, è importante includere giorni di riposo attivo nella routine di allenamento. Questi giorni consentono al corpo di recuperare senza l’impatto dell’attività fisica intensa. Durante il riposo attivo, si possono praticare attività a basso impatto come lo stretching, lo yoga o il nuoto leggero, che favoriscono la circolazione sanguigna e aiutano a ridurre la tensione muscolare accumulata.

Un’altra strategia efficace per il recupero è l’utilizzo di tecniche di recupero attivo, come il massaggio sportivo, il rilassamento muscolare, la crioterapia o l’uso di dispositivi di compressione. Queste tecniche possono aiutare a ridurre l’infiammazione muscolare, migliorare la circolazione e accelerare il processo di guarigione.

È importante sottolineare che il riposo non implica necessariamente l’inattività completa. L’attività di bassa intensità, come una passeggiata leggera o lo yoga, può favorire la circolazione sanguigna e contribuire al recupero muscolare senza sovraccaricare il corpo.

Prendersi il tempo per il riposo e il recupero non solo previene la stanchezza fisica, ma contribuisce anche a ridurre il rischio di infortuni e promuove una migliore salute generale. Pertanto, è fondamentale integrare l’adeguato riposo e recupero come parte essenziale di una programmazione dell’allenamento bilanciata e sostenibile.

L’influenza dell’alimentazione sulla stanchezza fisica nella corsa

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella gestione della stanchezza fisica durante la corsa. Un’alimentazione adeguata fornisce al corpo l’energia necessaria per sostenere l’attività fisica e favorisce il recupero dopo lo sforzo. Allo stesso tempo, una dieta sbilanciata o carente può portare a una maggiore sensazione di stanchezza e compromettere le prestazioni.

Il consumo di carboidrati complessi è essenziale per mantenere un adeguato livello di energia durante la corsa. I carboidrati sono la principale fonte di combustibile per i muscoli e vengono immagazzinati sotto forma di glicogeno. Durante la corsa prolungata, le riserve di glicogeno possono esaurirsi, portando a una sensazione di affaticamento. Si consiglia di includere nella dieta fonti di carboidrati complessi come cereali integrali, pasta, riso integrale, patate e legumi per garantire un apporto sufficiente di carboidrati.

Inoltre, è importante assicurarsi di avere un adeguato apporto di proteine. Le proteine svolgono un ruolo chiave nella riparazione e nella ricostruzione dei tessuti muscolari dopo l’allenamento. Consumare proteine di alta qualità come carne magra, pesce, uova, latticini e legumi può favorire il recupero muscolare e ridurre la sensazione di stanchezza.

Gli acidi grassi omega-3, presenti in alimenti come pesce grasso, noci e semi di lino, hanno proprietà antinfiammatorie e possono contribuire a migliorare la risposta del corpo allo stress e all’affaticamento. Integrare una quantità adeguata di acidi grassi omega-3 nella dieta può favorire una maggiore resistenza e una ridotta sensazione di stanchezza durante la corsa.

Infine, l’idratazione adeguata è essenziale per mantenere l’energia e prevenire la disidratazione, che può portare a una rapida sensazione di stanchezza. Bere a sufficienza prima, durante e dopo la corsa è fondamentale per mantenere un corretto equilibrio idrico nel corpo.

È importante consultare un nutrizionista o un dietologo per ottenere una dieta personalizzata in base alle esigenze individuali. Un’alimentazione equilibrata e adeguata può svolgere un ruolo significativo nel prevenire la stanchezza fisica e ottimizzare le prestazioni nella corsa.

Maggiori info qui: Sports Medicine – Nutrition for Endurance Sports: Marathon, Triathlon, and Road Cycling

Strategie di gestione dell’energia durante la corsa per combattere la stanchezza

Durante la corsa, è fondamentale adottare adeguate strategie di gestione dell’energia per combattere la stanchezza fisica e ottimizzare le prestazioni. Queste strategie si concentrano sull’efficienza del movimento, sulla conservazione delle risorse energetiche e sulla riduzione dello sforzo fisico. Vediamo alcuni concetti chiave per gestire l’energia durante la corsa.

1. Mantenere un ritmo costante: Evitare variazioni eccessive di velocità può aiutare a preservare l’energia e prevenire l’affaticamento precoce. Mantenere un ritmo costante permette di distribuire l’energia in modo più efficiente, evitando picchi di sforzo eccessivi che possono portare alla stanchezza.

2. Sfruttare la gravità: Utilizzare la forza di gravità a proprio vantaggio può contribuire a ridurre l’energia richiesta durante la corsa. In discesa, è possibile lasciarsi “scivolare” leggermente, sfruttando la forza gravitazionale per ridurre l’impatto e l’uso di energia. Tuttavia, è importante farlo in modo sicuro, mantenendo il controllo e prestando attenzione alle superfici scivolose.

3. Adottare una buona tecnica di corsa: Una tecnica di corsa efficiente può aiutare a ridurre lo sforzo e la stanchezza. Elementi chiave da considerare includono una postura corretta, una buona cadenza dei passi, un’andatura fluida e l’uso corretto dei muscoli. Fare riferimento a un istruttore o un esperto di corsa per valutare e migliorare la propria tecnica.

4. Pianificare l’idratazione e l’assunzione di carboidrati: L’approvvigionamento idrico e l’assunzione di carboidrati durante la corsa possono aiutare a mantenere un adeguato livello di energia. Programmare pause per bere piccole quantità di acqua o bevande sportive e assumere carboidrati facilmente digeribili, come gel o barrette energetiche, può fornire un supporto energetico durante l’attività fisica prolungata.

5. Allenarsi in condizioni simili alla gara: Simulare le condizioni di gara durante l’allenamento può preparare il corpo alla stanchezza e alle sfide specifiche dell’evento. Ad esempio, se si prevede di correre su un terreno collinare, allenarsi su percorsi con salite e discese può migliorare la resistenza e l’efficienza nell’affrontare tali condizioni.

È importante sottolineare che ogni corridore è unico e può richiedere approcci individualizzati nella gestione dell’energia durante la corsa. Pertanto, è consigliabile consultare un allenatore o un professionista esperto nel campo della corsa per sviluppare strategie personalizzate in base alle proprie esigenze e obiettivi.

L’importanza di un adeguato allenamento per aumentare la resistenza e combattere la stanchezza

Un adeguato allenamento svolge un ruolo fondamentale nell’aumentare la resistenza e combattere la stanchezza fisica durante la corsa. Una preparazione fisica mirata e progressiva può contribuire a migliorare le capacità aerobiche e muscolari, aumentando così la resistenza e riducendo l’insorgenza della stanchezza. Ecco alcuni concetti chiave da considerare.

1. Programma di allenamento strutturato: Seguire un programma di allenamento ben strutturato e progressivo è fondamentale per migliorare la resistenza. Un allenatore o un esperto di corsa può aiutare a sviluppare un programma personalizzato, che includa un mix di allenamenti di resistenza, velocità, recupero e lunghe distanze. Un adeguato bilanciamento tra allenamento e recupero è essenziale per permettere al corpo di adattarsi gradualmente e prevenire il sovrallenamento.

2. Incrementare gradualmente il volume e l’intensità: Aumentare gradualmente il volume (distanza) e l’intensità (velocità) degli allenamenti permette al corpo di adattarsi in modo progressivo. L’obiettivo è stimolare gradualmente il sistema cardiorespiratorio e i muscoli senza eccessive sollecitazioni che potrebbero portare a infortuni o affaticamento precoce. Un aumento eccessivamente rapido può aumentare il rischio di stanchezza e overuse injuries.

3. Allenamento della resistenza muscolare: Oltre all’allenamento cardiovascolare, è importante dedicare attenzione all’allenamento della resistenza muscolare. Un programma di allenamento che includa esercizi specifici per la forza e la resistenza muscolare può migliorare l’efficienza del movimento e ridurre la fatica muscolare durante la corsa. Gli esercizi di resistenza come lo squat, il sollevamento pesi e gli esercizi pliometrici possono essere utili per sviluppare la forza e la potenza muscolare.

4. Varietà negli allenamenti: Introdurre varietà negli allenamenti può favorire l’adattamento del corpo e prevenire la monotonia. Alternare tra diverse modalità di allenamento, come l’interval training, l’allenamento in salita o su terreni diversi, può stimolare il corpo in modi diversi e migliorare la resistenza complessiva. Inoltre, l’allenamento incrociato con attività diverse dalla corsa, come il nuoto o il ciclismo, può contribuire a migliorare la resistenza generale senza sovraccaricare eccessivamente i muscoli utilizzati nella corsa.

È importante tenere presente che ogni corridore ha bisogni e capacità diverse, quindi un allenamento personalizzato è essenziale. Consultare un professionista dell’allenamento o un allenatore di corsa qualificato può aiutare a sviluppare un programma di allenamento specifico in base agli obiettivi individuali e alle capacità fisiche.

Per maggiori informazioni: Runners World – How to Increase Your Running Endurance

Tecniche di respirazione per migliorare l’efficienza e prevenire la stanchezza nella corsa

La respirazione adeguata è fondamentale per migliorare l’efficienza durante la corsa e prevenire la stanchezza. Una respirazione corretta fornisce ossigeno sufficiente ai muscoli e contribuisce a mantenere un ritmo costante. Ecco alcuni concetti principali da considerare per ottimizzare la respirazione durante la corsa.

1. Respirazione diaframmatica: La respirazione diaframmatica, nota anche come respirazione profonda, è una tecnica che coinvolge il diaframma, il muscolo principale coinvolto nella respirazione. Invece di respirare superficialmente con il petto, si dovrebbe inspirare profondamente attraverso il naso, permettendo al diaframma di spingersi verso il basso e riempire i polmoni. Questo tipo di respirazione favorisce un maggiore scambio di ossigeno e una migliore eliminazione di anidride carbonica.

2. Ritmo di respirazione: Trovare un ritmo di respirazione adeguato può aiutare a mantenere una buona ossigenazione dei muscoli e a prevenire la fatica. Molti corridori trovano utile adottare un ritmo di respirazione sincronizzato con il passo, ad esempio inspirando per un certo numero di passi e espirando per un numero uguale di passi. Ad esempio, una tecnica comune è quella di respirare in un rapporto 2:2 (due passi per inspirazione e due passi per espirazione). Tuttavia, ogni corridore può trovare il proprio ritmo di respirazione più confortevole.

3. Rilassamento muscolare: Il rilassamento dei muscoli del viso, delle spalle e delle braccia durante la corsa può favorire una respirazione più libera. Mantenere una postura rilassata e evitare la tensione muscolare inutilizzata può contribuire a una migliore apertura del torace e a un flusso d’aria più agevole. Fare attenzione a rilassare la mascella, evitare la tensione delle spalle e mantenere un movimento fluido delle braccia.

4. Allenamento specifico della respirazione: Alcuni corridori trovano utile dedicare del tempo all’allenamento specifico della respirazione. Ciò può includere esercizi di respirazione profonda al di fuori della corsa, come il pranayama yoga o l’allenamento dei muscoli respiratori utilizzando dispositivi di resistenza polmonare. Questi esercizi possono aiutare a migliorare la capacità polmonare e l’efficienza respiratoria.

Un’adeguata respirazione durante la corsa può contribuire a migliorare le prestazioni e ridurre la sensazione di stanchezza. Sperimentare diverse tecniche e trovare quella che funziona meglio per te può fare la differenza durante la corsa.

Utilizzo di strategie mentali per gestire la stanchezza durante la corsa

Le strategie mentali possono giocare un ruolo fondamentale nel gestire la stanchezza durante la corsa. La corsa è uno sport che richiede resistenza mentale, oltre che fisica, e adottare le giuste strategie può aiutare a superare i momenti di fatica e mantenere la motivazione. Ecco alcuni concetti principali per gestire la stanchezza mentale durante la corsa.

1. Fissare obiettivi intermedi: Suddividere la corsa in obiettivi intermedi può renderla più gestibile mentalmente. Piuttosto che concentrarsi sulla distanza totale da percorrere, concentrarsi su mete più piccole, come raggiungere un determinato punto di riferimento o completare una determinata frazione della corsa. Questo permette di concentrarsi su piccoli traguardi raggiungibili e incrementare la motivazione durante la corsa.

2. Utilizzare l’auto-motivazione: La capacità di auto-motivarsi durante la corsa è essenziale per superare la stanchezza mentale. Ricordare le ragioni che ti hanno spinto a iniziare la corsa, visualizzare i tuoi obiettivi e ripetere a te stesso frasi o parole incoraggianti possono aiutare a mantenere la motivazione e superare la fatica. Ad esempio, ripetere mentalmente “posso farcela” o “sono più forte di quanto pensi” può dare una spinta mentale necessaria.

3. Concentrazione sulla respirazione e sulla forma: Concentrarsi sulla respirazione e sulla forma durante la corsa può distrarre dalla stanchezza mentale. Mantieni un ritmo regolare di respirazione e presta attenzione alla tua postura, cercando di mantenere una posizione corretta. Questo tipo di concentrazione può aiutare a liberare la mente da pensieri negativi e mantenere il focus sull’azione di correre.

4. Utilizzare la visualizzazione: La visualizzazione è una tecnica efficace per gestire la stanchezza mentale. Immagina te stesso mentre corri in modo fluido ed energico, visualizza il percorso che intendi seguire o immagina di raggiungere il traguardo con successo. Questo tipo di immagini mentali positive può aiutare a motivarti e contrastare la stanchezza mentale.

Sperimentare con diverse strategie mentali durante la corsa e trovare quelle che funzionano meglio per te può essere utile per gestire la stanchezza e migliorare le prestazioni complessive.

Maggiori info qui: Verywell Fit – Mental Strategies to Help You Run Strong

Conclusioni: Promuovere un equilibrio tra allenamento, recupero e corretta gestione della stanchezza

In conclusione, la gestione della stanchezza fisica nella corsa richiede un approccio olistico che consideri diversi aspetti. Comprendere i meccanismi fisiologici della stanchezza e le cause comuni è fondamentale per affrontare questo problema. L’adeguato riposo e recupero svolgono un ruolo chiave nella prevenzione della stanchezza, permettendo al corpo di guarire e rigenerarsi.

Tuttavia, l’alimentazione svolge un ruolo cruciale nella gestione della stanchezza fisica durante la corsa. Una dieta equilibrata, ricca di carboidrati complessi, proteine e grassi sani, fornisce il carburante necessario per sostenere l’energia e combattere la fatica. È importante prestare attenzione alla quantità e alla qualità degli alimenti consumati, garantendo un adeguato apporto di nutrienti per sostenere le prestazioni.

Le strategie di gestione dell’energia durante la corsa sono fondamentali per prevenire e combattere la stanchezza. Queste possono includere il controllo del ritmo, la pianificazione degli intervalli di camminata o corsa, la distribuzione adeguata dello sforzo durante la corsa e l’utilizzo di tecniche di visualizzazione per mantenere la motivazione.

L’importanza di un adeguato allenamento non può essere sottovalutata. Un programma di allenamento progressivo e ben strutturato può aumentare la resistenza e contribuire a combattere la stanchezza durante la corsa. Gradualmente aumentare la distanza e l’intensità degli allenamenti aiuta il corpo ad adattarsi e a diventare più efficiente nell’utilizzo dell’energia.

Le tecniche di respirazione possono migliorare l’efficienza e prevenire la stanchezza nella corsa. La respirazione diaframmatica, il mantenimento di un ritmo di respirazione sincronizzato con il passo e il rilassamento muscolare sono elementi chiave per ottimizzare la respirazione durante la corsa.

Inoltre, l’utilizzo di strategie mentali può aiutare a gestire la stanchezza durante la corsa. Fissare obiettivi intermedi, utilizzare l’auto-motivazione, concentrarsi sulla respirazione e sulla forma, e utilizzare la visualizzazione sono tutte strategie efficaci per contrastare la stanchezza mentale.

In definitiva, un equilibrio tra allenamento, recupero e una corretta gestione della stanchezza è essenziale per ottenere prestazioni ottimali nella corsa. Ascoltare il proprio corpo, adottare un approccio graduale e implementare strategie efficaci può contribuire a massimizzare le prestazioni e prevenire l’eccessiva stanchezza.

 

Di Rebecca

Passione Corsa (by Milano Running Club) è il nuovo portale per i runner di tutt’Italia che cercano informazioni su come allenarsi, come gestire il proprio fisico e come evolvere le proprie performance. Che tu voglia partecipare ad una maratona, ad una 10 Chilometri, ad una Mezza Maratona, ad una 5 Chilometri o semplicemente vuoi correre, troverai decine di allenamenti specifici, consigli tecnici e suggerimenti dai nostri esperti di corsa.