La Kayano è una scarpa storica della linea ASICS. Introdotta come crosstrainer nel 1993, si è evoluta nella stability trainer che è stata un punto fermo per i runner di tutto il mondo. Per anni, la Kayano ha utilizzato il classico montante mediale che è stato a lungo una firma delle calzature di stabilità. È stato anche un terreno di gioco per la tecnologia ASICS, dal gel alla doppia intersuola, ai progressi nel design della calzata e altro ancora. Il 30° anniversario della Kayano rappresenta il salto più grande della serie, con una nuova mentalità di stabilità, una nuova schiuma e un cambio di filosofia generale. In questa recensione esaminiamo i grandi cambiamenti apportati alla serie Kayano e ne discutiamo le implicazioni per il futuro delle calzature di stabilità.

La Kayano 30 rappresenta sia un grande cambiamento radicale per la serie Kayano sia una naturale progressione nella direzione che ASICS ha intrapreso negli ultimi tre anni. Grazie agli elementi di design sperimentati nei modelli Kayano Lite, si ottiene un nuovo design di stabilità incentrato sulla geometria piuttosto che sulla postura mediale, sfruttando l’ampia larghezza e la svasatura della suola delle Kayano Lite. Un nuovo design della tomaia aggiunge una buona dose di struttura, pur mantenendo le cose relativamente ordinate. Infine, l’intersuola diventa più morbida e sostenibile con Flytefoam Blast Eco, che inietta il 24% di contenuto biologico nell’intersuola. Il nuovo PureGel viene inserito anche nella parte posteriore della scarpa per una maggiore morbidezza. Nel complesso, la Kayano 30 è un trainer di stabilità ricco di tecnologia che, grazie al suo design più universale, si rivolge a una gamma più ampia di corridori.

ASICS Kayano 30

Vestiblità

Le ASICS Kayano 30 mi calzano a pennello con la mia normale taglia 10 da uomo. La larghezza è normale per tutta la lunghezza della scarpa, con un volume abbastanza medio. La tomaia è in materiale elasticizzato a tutta lunghezza che offre una certa mobilità senza perdere sicurezza. L’avampiede ha uno spazio sufficiente con una leggera rastrematura della punta. Ha un po’ più spazio rispetto alla versione precedente e il mesh si allunga bene durante la corsa. La parte centrale del piede è di larghezza normale, con una linguetta moderatamente spessa e ben inserita. Il soffietto e i lacci bloccano facilmente il piede e non ho dovuto bloccare il tallone. Il retropiede calza normalmente o leggermente aderente. C’è una grande quantità di ammortizzazione del collare del tallone che protegge un contrafforte rigido nel retropiede. Non ho notato il contrafforte grazie all’imbottitura e chi ha sensibilità al tallone dovrebbe trovarsi bene (a meno che non siate molto sensibili). La fodera interna è estremamente confortevole e per me ha funzionato bene anche senza calze. Chi vuole farlo dovrebbe trovarsi bene, ma deve prestare attenzione all’aspetto interno leggermente più spesso della protezione flessibile della punta. A parte questo, la tomaia è molto sicura e mantiene il piede bloccato senza essere invadente.

Prestazioni

C’è molto da dire sulla Kayano 30, ma anche poco da dire se avete corso con ASICS negli ultimi 2 anni. Presenta tutte le caratteristiche di cui parliamo a Doctors of Running: una suola massicciamente svasata, un’ampia larghezza e un leggero rocker (molto leggero in questo caso). La scarpa scorre in modo abbastanza fluido e uniforme. Una volta preso il ritmo, mi sono sentito molto sicuro della scarpa e delle sue transizioni. La Flytefoam Blast Eco è un po’ più solida della normale Flytefoam Blast, il che non è un male per quanto riguarda la stabilità. L’intersuola è leggermente solida, ma ammortizzata e senza sensazione di contatto con il terreno. È anche rigida, con poca flessibilità nell’avampiede.

La Kayano è un po’ più pesante, il che la rende più adatta a una giornata facile. Per me è un enigma, perché l’intersuola si sente meglio quando la impegno un po’ di più e accelero il passo. Sono un corridore abbastanza leggero, sia in termini di dimensioni che di impatto sul terreno. In base alla mia esperienza, simile a quella di altre scarpe come le Wave Sky 6 di Mizuno, ritengo che questa scarpa sia adatta a chi ha un’andatura più pesante o a chi è più grande. Correndo ai miei ritmi normali mi sono sentito un po’ più lento, ma quando ho spinto un po’ di più ho sentito che la scarpa era un po’ più viva. Sento che è solo un po’ più scarpa rispetto alle mie preferenze. Credo che se la scarpa fosse un po’ più rocker si sentirebbe più morbida. Detto questo, si tratta comunque di una corsa capace e confortevole, che consente di percorrere bene i chilometri quotidiani e può sicuramente gestire le corse lunghe. Chi preferisce un’ammortizzazione massima e leggermente più solida troverà questa scarpa solida.

ASICS Kayano 30

La suola è dotata di patch AHAR+ e ha un contatto totale con il terreno. Ho percorso 30 miglia con il mio paio e vedo solo un po’ di usura nella parte posteriore del tallone laterale. Sto consumando un po’ la gomma e la schiuma Flytefoam Blast Eco leggermente esposta. Mi aspetto un numero di chilometri medio o leggermente superiore alla media per una scarpa da allenamento quotidiano. Per quanto riguarda la superficie, le terrei solo su strade e sentieri. Le macchie di gomma aderiscono bene alle superfici stradali e anche al manto stradale bagnato. Sullo sterrato la suola più liscia non è la mia scelta migliore, a meno che non si tratti di sterrato piatto. Questo è prevedibile, dato che si tratta di una scarpa da strada e ASICS ha ora diverse opzioni da trail se si desidera andare su superfici più morbide.

Stabilità

L’ASICS Kayano 30 prende tutto ciò di cui noi di Doctors of Running abbiamo parlato negli ultimi anni in merito alla guida e lo integra bene. Questa nuova Kayano presenta ampi fianchi su entrambi i lati del mesopiede e del tallone, un’ampia suola stabile (con un’appropriata flessione della suola per tutta la lunghezza della scarpa), un mesopiede ampio e non affusolato e quella che sembra una stabilità geometrica interna. Nonostante la pubblicità e il sistema 3D Guidance mediale di colore diverso, la sensazione è simile a quella della serie Kayano Lite. La parte mediale del tallone e l’avampiede offrono resistenza al movimento e una leggera e confortevole pressione su quella parte del piede. L’aspetto interessante è che non mi sento spinto lateralmente a causa della svasatura laterale della suola e della parete laterale. Al contrario, mi sento centrato e guidato per tutta la lunghezza della scarpa. Coloro che amano la sensazione di un supporto mediale del piede potrebbero rimanere delusi, poiché l’elevata pressione dell’arco plantare non è presente. La sensazione è di grande stabilità, ma non in modo distorto. All’inizio ero preoccupato che la stabilità fosse stata ridotta, ma è ancora una scarpa altamente stabile che merita il titolo di Kayano. Il modo in cui viene eseguita la stabilità è cambiato. La sensazione è complessivamente più stabile rispetto alla precedente Kayano, ma lo fa per tutta la lunghezza della scarpa e non solo nella parte mediale del tallone come nella versione 29. Chi ha bisogno di stabilità nel tallone, nel mesopiede o nell’avampiede, soprattutto a livello mediale, si troverà bene.ASICS Kayano 30

Ultime note

Sono estremamente orgoglioso di ASICS per aver deciso di aggiornare in modo aggressivo la serie Kayano. Bach e io abbiamo detto più volte che la Kayano 30 integra tutte le cose di cui abbiamo parlato per anni. La corsa è molto più fluida rispetto al passato, la stabilità è migliore in tutta la lunghezza della scarpa e non solo nel tallone, e il piede viene mantenuto centrato anziché sbilanciato. Ci sono alcune modifiche che apporterei, ma devono essere fatte con attenzione. Il primo è il sistema di guida 4D. Se si tratta di un supporto mediale, il materiale grigiastro sembra effettivamente più morbido del resto della schiuma. Non lo sento durante la corsa, ma se si tratta di un perno, deve avere una densità maggiore. Potrebbero esserci componenti aggiuntivi all’interno della suola di cui non sono a conoscenza e che personalmente terrei così com’è. Tuttavia, coloro che si aspettano una sensazione simile a quella di un palo rimarranno delusi (a me non piace sempre quella sensazione, quindi preferisco questa).

Il mio secondo suggerimento riguarda (come sempre) il tallone. Apprezzo l’ampio cuscinetto d’urto, che in realtà si abbassa abbastanza bene. In passato ho fatto riferimento a ricerche che suggeriscono che, fintanto che il materiale espanso collassa bene, una lieve flessione posteriore laterale è accettabile. Personalmente preferirei avere un discreto smusso posteriore laterale, perché mi sembra più morbido. I crash pad creano un contatto iniziale leggermente anticipato a cui ci si abitua con il tempo, ma preferirei una sensazione di rocker vero e proprio per una scarpa di questa altezza.

ASICS Kayano 30

Chi dovrebbe usare l’ASICS Kayano 30

L’ASICS  Kayano 30 è un trainer di stabilità di nuova concezione, pensato per la registrazione di tonnellate di chilometri facili. Si adatta a una varietà più ampia di corridori rispetto alle precedenti Kayano, sia che corrano con scarpe da stabilità sia che non lo facciano. Riprende in gran parte l’approccio della Kayano Lite e trasferisce una grande quantità di nuove tecnologie nella linea principale di ASICS per creare qualcosa di fresco. I fan delle Mizuno Wave Horizon, delle Adidas Adistar CS o di altre scarpe più larghe apprezzeranno molto questo cambiamento. I corridori abituati ai pali dovrebbero provare questo modello per vedere se è adatto alle loro esigenze. Questo modello è un po’ più morbido rispetto agli altri citati, e questa è la sua caratteristica principale.

Chi vuole una guida un po’ più precisa può prendere in considerazione la Saucony Guide 16 o la Mizuno Wave Inspire, che fanno entrambe un buon lavoro nel garantire il movimento in avanti. I runner che desiderano qualcosa di più tradizionale potranno dare un’occhiata alle Brooks Adrenaline GTS, che combinano sia la guida che il supporto mediale. Per chi ha meno esigenze di stabilità, ma vuole ottenere alcune delle meccaniche stabili della nuova Kayano, la ASICS Cumulus 25 è un’ottima scelta da controllare.

In termini di abbinamento, la Kayano 30 è un ottimo modello da alternare alla Saucony Tempus. La Tempus può fornire quei chilometri più veloci e potenzialmente essere una solida scelta per il giorno della gara, mentre la Kayano registra tutti i chilometri di allenamento. Entrambe hanno caratteristiche simili per quanto riguarda la stabilità, che le rendono una facile doppietta.

Riassunto e valutazione finale della ASICS KAYANO 30

  • Calzata: A- (calzata comoda e sicura con tomaia di qualità superiore e tallone ben imbottito)
  • Prestazioni: B+ (scarpa da allenamento quotidiana altamente ammortizzata per il chilometraggio)
  • Stabilità: A- (Buon uso della geometria, della svasatura della suola, dei fianchi per centrare e mantenere stabile il corridore senza elementi tradizionali)
  • DPT/Scienza del piede: A- (Modifiche sostanziali a una linea abbastanza consistente che fa avanzare le cose utilizzando tutti i concetti di cui abbiamo discusso. Nonostante il crash pad decente, il tallone potrebbe essere smussato. Non è una scarpa rivoluzionaria, ma è comunque un cambiamento solido e importante. L’intersuola a base biologica è un’aggiunta importante e mi auguro di vedere questa percentuale crescere di modello in modello)
  • Personale: B+/A- (Scarpa ben centrata che funziona molto bene per la mia meccanica. Ottima come scarpa da giorno/recupero, ma un po’ più pesante di quanto vorrei per altre attività).
  • In generale: A-
  • Maggiori informazioni ed acquisti diretti sul sito ASICS.

Di Giorgio

Passione Corsa (by Milano Running Club) è il nuovo portale per i runner di tutt’Italia che cercano informazioni su come allenarsi, come gestire il proprio fisico e come evolvere le proprie performance. Che tu voglia partecipare ad una maratona, ad una 10 Chilometri, ad una Mezza Maratona, ad una 5 Chilometri o semplicemente vuoi correre, troverai decine di allenamenti specifici, consigli tecnici e suggerimenti dai nostri esperti di corsa.